Skip to main content

Le Comunità Energetiche Rinnovabili

Ne abbiamo parlato con Luigi Lazzaro Presidente Legambiente Veneto, Tommaso Polci dell'Ufficio Energia di Legambiente Onlus, Andrea Sacchetto Energy Manager, l'Assessore Francesco Venturini e Nello De Giulio di Acli Mirano. Ha presentato la serata il Prof. Vincenzo Guanci responsabile del Centro Pace "Sonja Slavik" di Mirano.

ULTIME NOTIZIE

  • Legambiente Veneto replica all'approvazione dell'emendamento "salva falò" alla Camera dei Deputati

                                                                                                                           

    Comunicato stampa - 21 febbraio 2024

    Legambiente Veneto replica all'approvazione dell'emendamento

    "salva falò" alla Camera dei Deputati

    Legambiente: “Ci siamo rotti i polmoni, basta ideologia questa è una sconfitta per la salute

    Legambiente Veneto esprime profonda preoccupazione in merito all'approvazione dell'emendamento "salva falò" promosso dalla Lega alla Camera dei deputati. L’emendamento consente l'accensione di maxi-fuochi all’aperto, indipendentemente dalla concentrazione e dai valori di Pm10 e Pm2,5, rappresenta un grave passo indietro nella tutela dell'ambiente e della salute pubblica.

    L'emendamento è stato presentato come un atto di tutela delle tradizioni culturali venete, ma non tiene conto degli impatti negativi sull'ambiente e sulla salute dei cittadini. In un periodo, quello invernale, in cui l'inquinamento atmosferico rappresenta una delle principali emergenze ambientali come dimostrano anche i dati delle centraline di rilevamento di Arpav che riportano da inizio 2024 ad oggi più di un superamento ogni due giorni del limite di legge in tutta l’area di pianura, concedere la possibilità di accendere falò senza considerare i livelli di inquinamento dell'aria è un gesto irresponsabile e miope. L’accordo di Bacino padano tra le regioni del nord italia avvolte dallo smog (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna) che vede anche il Governo coinvolto, include tra i divieti per ridurre l’impatto nei periodi di alta concentrazione di inquinanti anche lo stop ai roghi all’aperto, ma con questo emendamento il Parlamento di fatto sconfessa il lavoro e gli indirizzi delle Regioni ed espone gravemente il Paese alla mancata ottemperanza degli obblighi a tutela della salute di tutti ed al conseguente pagamento delle sanzioni previste dalla Corte di Giustizia Europea per il superamento continuativo dei limiti di PM10 negli anni che vanno dal 2008 al 2017 che ha condannato l’Italia a pagare una multa miliardaria per inadempienza alla Commissione Europea, stimata da 1.5 a 2.3 miliardi di euro, oppure ad agire efficacemente e con urgenza per ridurre l’inquinamento delle nostre città.

  • Oasi Lycaena di Salzano. Habitat messo in pericolo? Perplessità del nostro circolo

    Stiamo seguendo, con viva preoccupazione, il progetto della Cst Trasporti di Scorzè. La ditta presenterà a breve un progetto al Comune di Salzano per la realizzazione di un'area destinata alla logistica che prevede la costruzione, entro l'autunno di quest'anno, di un capannone destinato allo stoccaggio di merci destinate alla GDO. Nella breve conferenza organizzata qualche sera fa dal Comune di Salzano per presentare il progetto alla cittadinanza, non è stato approfondito l'impatto del progetto che può avere sull'area, sia per quanto riguarda la viabilità di mezzi pesanti che interesserà la zona, oltre che all'impatto che potrebbe avere l'opera sul delicato ecosistema dell'area protetta. Come gestori da oltre sei anni dell'Oasi con il raggruppamento Napea che gestisce l'area,  esprimiamo quindi i nostri dubbi e forti perplessità sugli effetti che tale realizzazione possa avere sul delicato habitat naturale dell'Oasi Lycaena posta proprio al confine dell'area interessata alla costruzione del capannone.
  • 65 nuovi alberi messi a dimora a Spinea per Life Terra

                                        

    Ieri 15 dicembre abbiamo inaugurato il Parco di Via delle Industrie progettato da Legambiente Miranese in collaborazione con Cdat di Spinea. Il parco si è arricchito di ben 65 essenze acquistate con il contributo dei soci sostenitori di Legambiente degli ultimi tre anni, aderendo al progetto Life Terra. Legambiente si impegna alla manutenzione delle piante per 3 anni.
    Presenti i volontari delle Associazioni, con il Commissario straordinario ed i referenti degli Uffici Comunali che hanno partecipato alla progettazione assieme a numerosi cittadini di Spinea. A tutti un GRAZIE. Un particolare ringraziamento va ai ragazzi di Land Art Snc (gli amici Martino e Fabio) che hanno messo a dimora le 65 essenze.La tipologia di alberature e le aree oggetto di piantumazione sono state individuate di concerto con l’Amministrazione Comunale e un tecnico agronomo; le 65 piante sono costituite dalle seguenti tre tipologie: 22 Farnie (Quercus Robur), 21 Olmi campestri (Ulmus minor) e 22 Aceri (Acer campestre).
  • XII Congresso nazionale di Legambiente

      

    Saremo a Roma dal 1 al 3 dicembre a rappresentare il nostro Circolo

    Siamo nel bel mezzo di una tempesta mondiale che sta stravolgendo paradigmi, equilibri
e convinzioni.
    I prossimi anni saranno decisivi per promuovere la giustizia climatica e accompagnare la transizione ecologica in settori strategici per la decarbonizzazione dell’economia italiana.

    Saranno gli anni in cui sarà fondamentale il ruolo della nostra associazione, a livello nazionale e territoriale, perché tutto avvenga nei modi e nei tempi giusti, viste le gravi crisi – climatica, energetica, economica e sociale – che stiamo vivendo, dando la giusta attenzione alle aree urbane dove vive un terzo della popolazione d’Italia, alle loro periferie, alle zone rurali e ai piccoli comuni.

    Tracceremo la rotta durante il nostro XII Congresso nazionale, che si svolgerà dall’1 al 3 dicembre all’Auditorium del Massimo a Roma.

  • Riapertura delle Domeniche del Bosco del Parauro

    I Volontari di Legambiente Miranese sono intervenuti venerdì scorso per effettuare una pulizia dai rovi lungo il sentiero, per permettere un accesso in sicurezza ai visitatori già da  domenica 17 settembre. Dopo il prezioso intervento deli tecnici della Città  Metropolitana del mese di agosto. continuano le aperture del bosco ogni prima e terza domenica del mese fino al mese di ottobre. Vi aspettiamo in bosco.

     

                  

  • Dona il tuo 5x1000 a Legambiente Miranese

  • Nasce la prima Comunità Energetica Rinnovabile e Sociale a Mirano

    📌Giovedì 16 febbraio alle 17.15 nella Sala Conferenze, 1^ piano in corte Errera, via Bastia Fuori n. 58, è stata presentata la prima Comunità Energetica Rinnovabile (CER) di Mirano, promossa dal Comune. Si è stimato che la prima CER di Mirano porterà alla riduzione di circa 274.035 kg CO2 annui, pari ad una foresta virtuale di circa 1.600 alberi adulti. 🌳🌲🎋 Oltre ai benefici ambientali porterà vantaggi economici (incentivi accumulati previsti di oltre 200.000 euro annui) e sociali (a sostegno di realtà come il Mariutto e promozione di nuove CER). Dopo la fase di avvio, chiunque lo desidera potrà farne parte. Anche il nostro circolo ha sottoscritto la lettera d'intenti. Nell’occasione è avvenuta la sottoscrizione dell’atto costitutivo da parte dei soci fondatori.
  • Le centraline autogestite per il controllo delle polveri sottili

     

    Le centraline della prima rete indipendente di monitoraggio dell’aria e dell’inquinamento in Veneto analizzano in tempo reale e 24 ore su 24 sia il PM2.5 e sia il PM10. I colori delle centraline corrispondono, come da legenda sulla mappa, all’ultimo dato registrato in tempo reale. Guarda la mappa completa e aggiornata delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria attive nella Regione Veneto. Le centraline della prima rete indipendente di monitoraggio dell’aria e dell’inquinamento in Veneto analizzano in tempo reale e 24 ore su 24 sia il PM2.5 e sia il PM10. I colori delle centraline corrispondono, come da legenda sulla mappa, all’ultimo dato registrato in tempo reale. Cliccando su una singola centralina si può vedere nello specifico l’ultimo dato registrato per entrambi gli inquinanti analizzati (PM2.5 e PM10) e si avrà la possibilità (cliccando sulla voce “Dettaglio”) di accedere alla pagina specifica di ogni singola centralina. Li si potranno trovare tutti i grafici in tempo reale, le medie orarie delle ultime 24 ore e le medie giornaliere degli ultimi 60 giorni. Tutti questi dati, oltre che pubblicati sul nostro sito, sono liberamente scaricabili.

  • Il bosco del Parauro e l'oasi Lycaena riaprono

    Dopo una chiusura di alcuni anni riaprono il Bosco Parauro di Mirano e l’Oasi Lycaena di Salzano, due splendide aree di rilevante interesse naturalistico e paesaggistico. A darne l’annuncio è l'associazione NAPEA, raggruppamento di cinque associazioni di volontariato comprendente Legambiente Riviera del Brenta, Laguna Photografica, Legambiente del Miranese, VAS Venezia, WWF Venezia e territorio, che hanno avuto in assegnazione la gestione delle due oasi tramite un bando della ex Provincia (ora Città Metropolitana).
  • Seminare ambiente

    Il progetto, cofinanziato dal Csv Venezia mira alla progettazione e realizzazione di azioni per la conservazione e la valorizzazione degli ecosistemi terrestri, la salvaguardia della biodiversità, il contrasto ai cambiamenti climatici e la promozione di comportamenti da adottare per fronteggiare condizioni di calamità ed emergenza. Il nostro progetto denominato “Seminare Ambiente” sarà organizzato e realizzato in collaborazione e partenariato con Auser Spinea, Auser Mirano e Comitato Difesa Ambiente e Territorio di Spinea.
CIRCOLO LEGAMBIENTE DEL MIRANESE
C.F. 90145000270
ISCRIZIONE ALBO REGIONALE APS PS/VE0257 ISCRIZIONE RUNTS REP 94737 13.01.2023

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITA'